Mi chiamo Lucy Barton

Mi chiamo Lucy Barton In una stanza d ospedale nel cuore di Manhattan davanti allo scintillio del grattacielo Chrysler che si staglia oltre la finestra per cinque giorni e cinque notti due donne parlano con intensit Non

  • Title: Mi chiamo Lucy Barton
  • Author: Elizabeth Strout
  • ISBN: 8806234307
  • Page: 345
  • Format:
  • In una stanza d ospedale nel cuore di Manhattan, davanti allo scintillio del grattacielo Chrysler che si staglia oltre la finestra, per cinque giorni e cinque notti due donne parlano con intensit Non si vedono da molti anni, ma il flusso delle parole sembra poter cancellare il tempo e coprire l assordante ru del non detto In quella stanza d ospedale, per cinque giorni e cinque notti, le due donne non sono altro che la cosa pi antica e pericolosa e struggente una madre e una figlia che ricordano di amarsi.

    • [PDF] Ç Unlimited Ë Mi chiamo Lucy Barton : by Elizabeth Strout ë
      345 Elizabeth Strout
    • thumbnail Title: [PDF] Ç Unlimited Ë Mi chiamo Lucy Barton : by Elizabeth Strout ë
      Posted by:Elizabeth Strout
      Published :2019-09-20T14:26:45+00:00

    2 thoughts on “Mi chiamo Lucy Barton

    1. Elizabeth Strout Is a well-known author, some of his books are a fascination for readers like in the Mi chiamo Lucy Barton book, this is one of the most wanted Elizabeth Strout author readers around the world.

    2. Dolori e miserie dell'anima narrate "all'americana", o, come dice lei stessa "stando alla larga da qualcosa". La Strout utilizza un linguaggio sommesso, colloquiale, semplice, che più che dire fa intravedere da una certa distanza ciò che difficilmente può essere detto. Forse ha ragione lei, da certe cose bisogna stare alla larga. E' un romanzo serio, coscienzioso e a suo modo riesce a tracciare, con piccoli sapienti tasselli, un punto vista sulla miserabile condizione umana made un USA. Polit [...]

    3. Ho amato questo libro, che trovo di una profondità e delicatezza incredibile: due donne che si ritrovano dopo tanti anni, madre e figlia, e che ricominciano (o forse cominciano, meglio) a parlare. Libro davvero scorrevole che ho letto tutto in una serata, anche perché è breve e le pagine passano davvero in fretta. Un libro che mi è rimasto nel cuore e che consiglio caldamente a tutti! Sicuramente comprerò "Tutto è possibile", il seguito.

    4. Libro bellissimo. Merita di essere letto e riletto perché sa andare in profondità. Ci sono personaggi che non si dimenticano. Davvero un libro che nutre la mente e il cuore.

    5. Un delicato incrocio di rapporti familiari che tengono il lettore inchiodato al al libro sino all'ultima pagina.A me il libro è piaciuto molto.

    6. Grandissima scrittrice: questo è il libro che ho preferito tra i suoi. Riesce a renderci una complessissima e dolorosa relazione madre-figlia attraverso una finestra temporale di pochi giorni, quelli che la madre trascorre accanto alla figlia, allettata in ospedale. Meraviglioso il riserbo tra loro, l'impaccio che ogni tanto è squarciato dall'intimità, l'imbarazzo che conduce a non dire, a tralasciare, a chiedere altro al posto di ciò che invece preme. Testo levigatissimo, senza tinte forti [...]

    7. Non riesco a capire cosa mi avrebbe dovuto trasmettere questo libro. Sentimento? Il ricongiungimento struggente di due persone che sono state lontane per anni? A me ha trasmesso la voglia di finirlo il più in fretta possibile, perché non ci ho trovato intensità e dialoghi efficaci. E soprattutto verso la fine, mini capitoli che saltano di palo in frasca, senza un filo logico.L'unica cosa che ho capito è che Lucy Barton voleva un gran bene al dottore che l'aveva in cura e che non stava poi co [...]

    8. Uno dei libri piú belli che abbia letto di recente! Pieno di sensibilitá, allude al dolore senza mai indulgere in esso.

    9. È un libro che si legge rapidamente, data la brevità del testo, ma merita una lettura attenta. Lucy Barton è una donna che la suocera ha definito "venuta dal nulla", cioè da un'area rurale degli Stati Uniti, dove ha trascorso un'infanzia miserabile. Lucy è riuscita ad andarsene a New York, lasciando la sua famiglia d'origine , che non rivede più per molti anni, neppure alla nascita delle sue figlie. Ma un giorno Lucy viene ricoverata in ospedale per le complicazioni di un intervento chi [...]

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *